Scritture di vita

Immaginario

L’armadio

L’armadio

Gaetà? Gaetano? Ci sei? Gaetà ti devo dire una cosa. Una cosa bellissima. L’ho incontrata. Finalmente ho visto lei. La lei che cercavo. Troppe volte ho avuto incontri fugaci con bambine dalla bellezza incompleta, dal sorriso a metà. Poi un giorno, d’improvviso, è apparsa lei. In tutto il suo splendore. Dovevi vederla, Gaetà, con quell’aria(…)

45 giri

45 giri

Quand’ero piccolo rubavo i portafogli dei miei compagni di scuola. Solo per diventarci amico. Ti spiego: non prendevo neanche un soldo; gli sfilavo il portamonete dagli zaini e, dopo qualche ora, correvo da loro fingendo di averlo ritrovato in chissà quale angolo. Non sai che sorrisi giganti che mi facevano. E che soddisfazione a vederli(…)